Come sostituire la vasca da Bagno a Bologna

La sostituzione vasca Bologna si può rendere necessaria nel caso in cui si abbia a che fare con una vasca che si è usurata nel corso del tempo e che mette in mostra i segni degli anni che passano. Una possibile soluzione è rappresentata dal ricorso a un rivestimento, che può essere effettuato secondo diverse opzioni: la vetrificazione, la rismaltatura o la verniciatura. In alternativa, si può puntare su una tecnica innovativa che prevede l’adozione di un guscio in vetroresina e acrilico con superficie lucida: una superficie di questo tipo ha il vantaggio di essere resistente rispetto all’azione di detersivi e acidi, e inoltre non richiede opere murarie per la sua posa.

In molte circostanze, dunque, la sostituzione vasca Bologna non è altro che una sovrapposizione, in virtù della quale una vasca da bagno nuova è installata sopra la vasca vecchia: si tratta del sistema denominato “vasca nella vasca”, che si fa apprezzare per le tempistiche ridotte e, soprattutto, per il fatto che non impone di rompere piastrelle o pareti. Che si abbia a che fare con una vasca da bagno bucata, danneggiata, scheggiata o rovinata in qualsiasi altro modo, nel giro di tre ore si può tornare ad averne una nuova, anche nel caso in cui si tratti di vasche in formato maxi o di vasche di piccole dimensioni con il sedile.

Il sistema della sovrapposizione si dimostra vantaggioso sia dal punto di vista strutturale che a livello estetico; inoltre, sul piano tecnico non si corre il rischio di dover far fronte a complicazioni. Il raccordo tra la vasca vecchia e quella nuova impedisce la comparsa di infiltrazioni: esso è a tenuta stagna e prevede la sostituzione del troppo pieno e della piletta. Ovviamente si può decidere di ricorrere a un impianto nuovo se quello vecchio è pieno di ruggine o comunque più che usurato.